fbpx

Cibi con istamina da evitare per chi è allergico

cibi con istamina
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

L’istamina è una sostanza presente in maniera diffusa nel nostro organismo che ha il compito di trasmettere segnali tra le cellule infatti è un importante mediatore chimico. L’istamina viene coinvolta in molte risposte cellulari come le reazioni infiammatorie, la secrezione gastrica e le reazioni allergiche. Bisogna evitare che se ne accumuli molta. Scopriamo insieme quali sono i cibi con istamina da consumare con meno frequenza o evitare.

Aumento di istamina, quali sono le cause?

In condizioni normali l’istamina è una sostanza chimica responsabile di alcune importanti funzioni:

  • comunica input al tuo cervello;
  • avvia il rilascio delle sostanze acide dello stomaco che aiutano la digestione;
  • avvia la risposta immunitaria dell’organismo a reazioni allergiche.

Normalmente gli enzimi presenti nell’intestino scompongono l’istamina ingerita, impedendo che venga assorbita ed entri nel flusso sanguigno.
L’intolleranza a questa sostanza si ha quando è stata accumulata in eccesso. Infatti quando si assumono troppi elementi carichi di istamina il risultato è che si accumula nell’organismo.

cibi con istamina

Cibi con istamina: alimenti da evitare

Ci sono alcuni alimenti ricchi di istamina che se ingeriti di frequente o in eccesso possono scatenare sintomi negativi. Alcuni degli cibi con più alti valori di istamina sono:

  • l’alcool e le bevande fermentate;
  • gli insaccati;
  • i crostacei e i frutti di mare;
  • i formaggi stagionati;
  • l’aceto di vino e i sottaceti;
  • il lievito;
  • il tonno, le acciughe, le sardine e gli sgombri in scatola o essiccati;
  • i salumi e le carni affumicate;
  • le verdure come spinaci e pomodori.

Vi sono poi alcuni alimenti che possono liberare istamina direttamente nell’organismo. Alcuni esempi sono:

  • cioccolato;
  • alcuni frutti come gli avocado, le banane, la papaia e la fragola;
  • agrumi come arance, limoni e pompelmi;
  • frutta secca in particolare noci, anacardi e arachidi;
  • i molluschi;
  • il caffè e alcune bevande energetiche.
alimenti senza istamina

Cibi con istamina: alimenti consigliati

Quando i livelli di istamina diventano troppo alti possono influire sulle normali funzioni corporee per questo motivo se hai un’intolleranza a questa sostanza, l’integrazione di alimenti a basso contenuto di istamina nella tua dieta può evitare l’insorgere di complicazioni. 

Alcuni cibi che contengono livelli bassi di istamina sono:

  • le carni fresche o il pesce appena pescato;
  • i pesci o le carni correttamente surgelate perchè le basse temperature sono in grado di rallentare in maniera consistente la sintesi di istamina batterica;
  • i formaggi freschi e i latticini;
  • la frutta come mele, pesche e melone;
  • la verdura fresca come zucchine, cetrioli, carote e lattuga;
  • i cereali senza glutine;
  • l’olio d’oliva.

Per una corretta stima del tuo fabbisogno energetico giornaliero e per conoscere la giusta combinazione di alimenti per mantenere bassi i livelli di istamina si consiglia sempre di consultare un dietologo o un medico, specialmente qualora pensi di avere un’intolleranza o quando noti sintomi ricorrenti ogni volta che consumi alimenti carichi di istamina.

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *