fbpx

Allergia ai crostacei sintomi e rimedi

allergia ai crostacei
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Il numero di allergie e di intolleranze, soprattutto nel mondo occidentale, è in costante aumento. I motivi hanno a che fare con lo stile di vita e con l’ambiente in cui si cresce. Tra le varie allergie presenti, quelle alimentari sono particolarmente fastidiose. L’allergia ai crostacei è una delle più pericolose e non va assolutamente sottovalutata.

Si può sviluppare da bambini ma anche in età adulta. È quindi fondamentale fare della prevenzione effettuando prove allergiche per monitorare la situazione, soprattutto nei soggetti con una storia familiare di predisposizione alle allergie.

È possibile capire, in mancanza di un test, di essere allergici ai crostacei? Vediamo insieme quali sono i sintomi che indicano una possibile allergia a questo alimento.

Allergia ai crostacei: i sintomi

Iniziamo col dire che i sintomi e la gravità delle reazioni da allergia ai crostacei possono variare in modo significativo da persona a persona. Generalmente vengono riscontrati in un intervallo di tempo che può andare da pochi minuti fino a una o due ore dal momento in cui si ingeriscono crostacei. Ecco un elenco di sintomi che possono far suonare un campanello di allarme, specialmente se avvertiti dopo aver mangiato crostacei:

  • rash cutaneo: comparsa di bollicine o arrossamenti possono indicare una reazione allergica;
  • sensazione di gonfiore o un gonfiore reale: soprattutto nella zona di labbra, lingua e gola;
  • dolori addominali;
  • problemi di carattere respiratorio;
  • tosse improvvisa;
  • problemi gastrointestinali;
  • sensazione di vertigine e/o di confusione;
  • prurito;
  • raucedine;
  • difficoltà a deglutire.

Nel caso in cui dovessero insorgere alcuni di questi sintomi, sarà necessario cercare immediatamente l’aiuto di un medico che possa prontamente intervenire. Ognuno dei sintomi elencati non va sottovalutato. È molto importante agire con tempestività qualora si accusi anche soltanto un lieve malore dopo aver ingerito crostacei. Infatti questo tipo di allergia, è fra le cause del maggior numero di ospedalizzazioni fra i soggetti allergici.

In seguito si dovranno effettuare tutti i test di controllo per evidenziare l’eventuale presenza di un’allergia ai crostacei. Se il test dovesse essere positivo, quali sono i rimedi?

allergia ai crostacei

Essere allergici ai crostacei: prevenzione e rimedi

Vediamo ora quali sono i rimedi più efficaci per una persona allergica ai crostacei.

Può sembrare scontato, ma in presenza di un’allergia alimentare, indipendentemente dalla sua gravità, il rimedio migliore e più sicuro è quello di evitare il contatto con il cibo a cui si è allergici. Nel caso dei crostacei, sarà necessario fare attenzione a tutti quegli alimenti che possono contenere crostacei e derivati.

Allo stesso modo si dovrà fare attenzione a prodotti che siano entrati in contatto con essi. Sarà quindi importante leggere sempre le etichette. In assenza di informazioni precise bisognerà evitare di mangiare il prodotto.

È fondamentale anche evitare le preparazioni che prevedono l’utilizzo di padelle, griglie o altri piani di cottura in cui vengono disposti crostacei vicino ad altri alimenti. Questo è valido sia che si parli di preparazioni casalinghe, sia che si consumi un pasto in ristoranti, sagre o feste di paese. Una buona idea è quella di parlare con camerieri e cuochi al momento dell’ordinazione.

Altri rimedi nel caso, in cui si ingeriscano accidentalmente crostacei, sono quelli farmacologici. Farmaci antistaminici possono limitare i sintomi nel caso in cui l’allergia non sia particolarmente grave. Se il soggetto allergico è predisposto a shock anafilattici, sarà importantissimo portare con sé farmaci per le emergenze, da iniettare all’occorrenza.

In ogni caso è indispensabile seguire i consigli del proprio medico prima di utilizzare un qualsiasi farmaco. Eventualmente, i farmaci andranno acquistati in farmacia solo con una ricetta del proprio medico allergologo.

Allergia ai crostacei: cosa mangiare e cosa evitare

Essere allergici ai crostacei significa non poter mangiare più pesce? La risposta è no! L’allergia ai crostacei non ha nessun collegamento con eventuali allergie a pesci, molluschi o altri alimenti.

Un soggetto allergico ai crostacei dovrà quindi evitare tutti quegli alimenti o quei prodotti che, come dicevamo, contengono crostacei o sono entrati in contatto con loro. Grigliate o fritture miste sono opzioni da evitare, per esempio, perché vengono spesso preparate con prodotti ittici diversi a stretto contatto. Chi è allergico ai crostacei potrà invece mangiare pesci come tonno, salmone, spada, orata e molti altri di fiume o di mare. Lo stesso discorso vale per i molluschi come per esempio vongole, cozze, capesante, polpo, seppia e calamari. Quindi massima attenzione ai crostacei, ma via libera al pesce.

In ogni caso un soggetto con una allergia alimentare, in particolare delicata e pericolosa come quella ai crostacei, dovrà necessariamente tenere sotto controllo la propria situazione generale. È quindi fondamentale che si facciano delle prove allergiche regolarmente. La prevenzione aiuterà a capire se il soggetto sia affetto da ulteriori allergie.

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *